banner fiu bolognaattiva

Bologna Attiva

Bologna Attiva - Officina metropolitana per il nuovo lavoro, il mutualismo e l’economia collaborativa - è un progetto di rigenerazione umana, urbana e sociale basato su una collaborazione inedita, che vede lavorare insieme realtà pubbliche, private e comunitarie su diversi livelli: è uno spazio che ospita un coworking, un'aula studio e diversi servizi di prossimità per studenti, percorsi di accompagnamento professionale, di mutualismo e attività culturali e di comunità. 

Negli ultimi anni il tema del nuovo lavoro, in particolare legato al settore della cultura e delle creatività, ha assunto infatti nuove dimensioni e sfaccettature, rendendo necessario avviare una riflessione anche sui servizi, in un’ottica sempre più orientata all’innovazione, al mutualismo e alla costruzione di nuove forme di infrastruttura sociale.

Il progetto Bologna Attiva si colloca a DumBO, l’area di 40mila metri quadri all’ex scalo merci Ravone, nel quartiere Porto-Saragozza, di proprietà di FS Sistemi Urbani che è stata affidata in concessione alla società OpenEvent, è finanziato dal Programma regionale delle attività produttive ed è promosso dalla Fondazione per l’Innovazione Urbana in partnership con il Comune di Bologna, l’Università di Bologna e OpenEvent.

All’interno di DumBO le attività coinvolgono in particolare i capannoni Officina e Temporanea e le aree esterne a essi adiacenti. 

Grazie alla riqualificazione e all’animazione dei diversi spazi, l’obiettivo è creare uno spazio di lavoro, di studio, di attività culturali e di dialogo aperto tra comunità, professionisti e studenti, sperimentando pratiche innovative di riutilizzo di parte di un'area che, per dimensioni e posizione, rappresenta per il territorio e i cittadini un'importante opportunità di trasformazione urbana e di risposta a nuovi bisogni. 

Dopo una prima presentazione pubblica a giugno 2021, il progetto ha preso avvio con diverse attività che animano il capannone Officina.
In primis, il bando Bologna si Attiva, che ha selezionato e supportato la realizzazione di diverse attività socio-educative, laboratoriali e culturali rivolte a infanzia, adolescenza e famiglie che si sono svolte a settembre. 
Nel mese di ottobre gli spazi di lavoro sono stati attivati grazie alla presenza di diverse realtà e start-up del territorio, i cui lavoratori sono stati coinvolti in un percorso di accompagnamento alla costruzione di comunità e alla programmazione di formazioni, incontri, mostre. 
A partire dal mese di ottobre è stata avviata la programmazione culturale e formativa all’interno del capannone Officina, con la realizzazione di eventi legati alle lavoratrici e ai lavoratori del mondo creativo, come Futuro Freelance e Creative Mornings, mostre e installazioni, come Closer @ Bologna Attiva e Future Film Festival, e con la progettazione di servizi di accompagnamento lavorativo come lo Sportello lavoro @ Bologna Attiva di prossima apertura.
A dicembre 2021 è stata invece aperta l’Aula Studio Borges @ Bologna Attiva, grazie alla collaborazione con il Comune di Bologna e l’Università di Bologna, un servizio rivolto alla popolazione studentesca del territorio che offre postazioni di studio individuale, per lavori di gruppo e per la didattica a distanza che proseguirà per tutto il corso del 2022, durante il quale saranno avviati anche i lavori di progettazione degli spazi del capannone Temporanea.

Non è stato trovato alcun elemento

Aggiornamenti Bologna Attiva

Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Joomla
Joomla
Accept
Decline
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline